Sito Epatite C
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Portale Epatite e malattie del fegato
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

I 5 modi in cui si rovina la salute del fegato

Di quanto il fegato sia importante e il suo ruolo strategico per il nostro benessere generale siamo ben a conoscenza.

Garantire l’equilibrio a livello epatico significa, di conseguenza, assicurare il giusto filtraggio di quelle sostanze nocive dal nostro corpo e ripulire il sangue. Tuttavia, senza rendercene conto, rischiamo che alcune abitudini quotidiane possano mettere a repentaglio tutto questo straordinario meccanismo. Ecco allora quali sono i 5 modi in cui si rovina la salute del fegato.

Alimentazione scorretta

Consumare troppi cibi fritti e ricchi grassi non è mai una buona abitudine, così come abusare di bevande alcoliche o eccessivamente zuccherate che possono predisporre a condizioni gravi come fibrosi e cirrosi. Per garantire il benessere a livello epatico è importante optare per una dieta bilanciata, ricca di alimenti sani e leggeri, ma ricchi delle sostanze di cui abbiamo bisogno.

Vita sedentaria

Escludere l’attività fisica dalle proprie abitudini è assolutamente sbagliato, in particolare perché si favoriscono condizioni come sovrappeso o obesità. Inoltre, non praticare sport riduce la capacità di eliminare tossine e grassi, con conseguenti predisposizioni a steatosi epatica non alcolica e, perché no, diabete.

Abuso di integratori

Se non considerati necessari dal medico, gli integratori possono comportare effetti collaterali su fegato e reni, nonché stitichezza. Occorre ricordarsi che la loro assimilazione non è diversa dal cibo, quindi, come dobbiamo prestare attenzione a non abusare di determinati alimenti, così è necessario fare anche con gli integratori.

Consumo di farmaci

Tra i 5 modi in cui si rovina la salute del fegato non possiamo dimenticare l’abuso di medicinali, in particolare il paracetamolo che, secondo diversi studi, provoca complicazioni epatiche sia sugli adulti che sui bambini. Al di là di questo, il fegato può risentire di qualsiasi farmaco venga assunto in quantità eccessive, ecco perché è sempre importante consultare il proprio medico prima di procedere.

Mancanza di sonno

Non dormire le ore necessarie genera ripercussioni a livello generale, ma può essere particolarmente dannoso proprio per il fegato. Lo stress ossidativo, infatti, provoca maggiore pressione a livello epatico e interferisce con la capacità dell’organo di elaborare correttamente il grasso: da qui l’aumento di lipidi da cui scaturiscono obesità, diabete e complicazioni a livello cardiovascolare. Un sonno di almeno 8 ore permette la giusta depurazione che consente al fegato di mantenere intatte le sue funzionalità.


Fonte: epateam.org


Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione