cnl_21

Cos’è il Daclatasvir

Daclatasvir è un potente inibitore del complesso NS5A essenziale per la replicazione del virus dell'epatite C (HCV). (Fig. 1)

Daclatasvir è il nome del principio attivo, mentre il nome commerciale è DAKLINZA®; il suo utilizzo è raccomandato in combinazione con altri antivirali ed in particolare il sofosbuvir, con o senza ribavirina, per il trattamento dei pazienti con infezione di genotipo 1, 3, 4 e in particolari casi nei soggetti con genotipo 2.

Daclatasvir, in maniera simile agli altri antivirali di nuova generazione, agisce direttamente contro il virus, bloccandone il processo di replicazione.

La sua azione è quindi differente da quella dell’'interferone, che stimola la risposta del sistema immunitario contro il virus e della ribavirina, che interferisce indirettamente sulla replicazione virale. In alcuni casi, è consigliata l'assunzione combinata di daclatasvir con la ribavirina, in quanto questa incrementa la possibilità di eradicazione definitiva del virus.

Quando daclatasvir viene usato in combinazione con sofosbuvir, costituisce un regime del tutto orale, senza interferone, che negli studi clinici ha fornito tassi di guarigione fino al 100%, inclusi i pazienti con malattia epatica avanzata, nel genotipo 3 e in coloro che hanno precedentemente fallito il trattamento con un inibitore delle proteasi.
Daclatasvir è il primo inibitore complesso NS5A autorizzato nell'Unione europea (UE) e si usa in combinazione con altri medicinali, garantendo una durata di trattamento più breve (12 o 24 settimane) rispetto alle 48 settimane di trattamento dei regimi basati su interferone e ribavirina.

Il farmaco non può essere usato in monoterapia, ma associato a sofosbuvir, ribavirina e interferone in ragione del genotipo virale.

Fig.1

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!